SEZIONE ARTE in mostra

Tra Arte e vita quotidiana. 

Un contatto diretto con l'Arte intesa come strumento comunicativo ed evocativo delle percezioni che generano le contaminazioni tra le diverse espressioni artistiche.   


KLIMT: ciò che genera emozione è un sostantivo femminile


di Cristiana Zamboni - 26 marzo 2018

Le-tre-et-della-donna-Gustav-Klimt-1905jpg

Le tre età della donna, Gustav Klimt, 1905

Diatomea.net è lieta di ospitare l’articolo KLIMT: ciò che genera emozione è un sostantivo femminile di Cristiana Zamboni pubblicato su ArteVitae.it

ArteVitae è un blog online che, come Diatomea, si dedica ad un variegato panorama artistico. I temi trattati spaziano dalla fotografia alla pittura, dall’architettura al design, dal teatro al cinema, dalla TV alla musica. Ogni giorno è live con notizie di arte, cultura, storia e lifestyle, novità e recensioni, attinte dalla quotidianità ma anche dal passato.

L’idea è quella di offrire ai nostri lettori una selezione di argomenti sempre più ampia con articoli interessanti oltre a quelli già pubblicati o in via di pubblicazione sul nostro blog.


IL COLLEZIONISTA DEI COLLEZIONISTI
PIERO FORNASETTI. "CITAZIONI PRATICHE" Mostra a Palazzo Altemps, Roma

di Raffaella Matocci - 11 maggio 2018


"(...) Portando qui le fantasie e creazioni di mio padre e le mie, esponendole allo sguardo non solo dei visitatori contemporanei, ma anche di queste grandi opere della classicità (...)"

Barnaba Fornasetti


Video realizzato nella Stanza delle Variazioni presso il Palazzo Altemps.

"La variazione non è soltanto un alto motivo o esercizio musicale; è una tradizione intellettuale e un virtuosismo dell'immaginazione ".

Gio Ponti, Anni Sessanta

DA “LO SPIRITUALE NELL'ARTE” ALL'ASTRATTISMO IN FOTOGRAFIA

di Raffaella Matocci - 26 febbraio 2016

L’Astrattismo in pittura nasce nei primi decenni del ‘900 e darà vita ad un processo di interiorizzazione della composizione pittorica intesa come espressione della “necessità interiore” principio alla base della ricerca di uno dei fondatori di questo movimento, Vasilij Kandinskij.

Un percorso, questo, che porterà alla negazione stessa dell'opera d’arte così come tradizionalmente intesa in favore di una composizione in cui

il linguaggio delle forme e dei colori diventa un mezzo per influenzare direttamente l'anima   

Ma la fotografia è davvero così avulsa da questa nuova logica di rappresentazione?           

         
Composizione VIII_Vasilij Kandinskij          Paris  Ph. Man-Ray                                                             


Per rimanere sempre in contatto e ricevere le notifiche degli articoli e delle iniziative che svolgiamo e pubblicizziamo, inserisci il tuo indirizzo e-mail



Tutte le immagini contenute in questa sezione sono state prese dai link segnalati o per gentile concessione dell'autore, tutte le altre sono coperte dal diritto d’autore ©MjZ